Parte "Capitanata chiama"

 

Nasce Capitanata Chiama, la mappa online dei cervelli in fuga dalla provincia di Foggia

Al via la prima “call for mapping” dei cervelli in fuga e “in pausa” sul territorio della Capitanata. Il progetto, promosso dai Laboratori Urbani Artefacendo di San Giovanni Rotondo, punta a creare nuove sinergie tra quanti lasciano la provincia verso altre regioni o paesi e chi resta. Lanciata anche una campagna di crowdfunding per sostenere il progetto

SAN GIOVANNI ROTONDO (FG) - Mappare la fuga di cervelli dalla provincia di Foggia, individuare quelli “in pausa” (cioè altamente formati ma non impiegati nel proprio settore) e avviare un think tank che permetta di immaginare nuove sinergie tra gli attori del territorio. E’ questo l’obiettivo di Capitanata Chiama, un progetto dei Laboratori Urbani Artefacendo di San Giovanni Rotondo che prende il via in queste ore sulle pagine del sito web www.capitanatachiama.it.

Al Sud sono più di un milione le persone che negli ultimi venti anni hanno deciso di andare via. Molti sono giovani e laureati: vanno all’estero, ma in tanti scelgono di andare a vivere nelle regioni del Centro Nord Italia. Gli ultimi rapporti Svimez e Italiani nel mondo della Fondazione Migrantes descrivono un Sud in difficoltà ad attrarre cervelli e la provincia di Foggia non è da meno, con oltre 67 mila persone all’estero, soprattutto giovani, piazzandosi al terzo posto in Puglia dopo Bari e Lecce per numero di persone iscritte all’Air, l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (fonte: Rapporto italiani nel mondo 2016 - Fondazione Migrantes). Ma non sono solo i “cervelli” quelli che vanno via. L’espressione inglese “human capital flight” descrive meglio lo scenario: quel che un territorio perde, in realtà, è il capitale umano.

Il progetto si svilupperà in due fasi:

La prima è una call for mapping online. Un’indagine che durerà fino a settembre 2017 durante la quale i “cervelli in fuga” di origine foggiana sparsi per il mondo saranno invitati a rispondere ad un breve questionario sulle ragioni della loro “fuga”. Stesso invito verrà rivolto ai “cervelli in pausa” che restano sul territorio, ma non trovano impiego nel proprio settore. I protagonisti e le loro storie saranno raccontate sul sito ufficiale del progetto.

Terminata l’indagine, la seconda fase sarà dedicata alla realizzazione di un network tra cervelli in fuga, in pausa e tutti coloro che vorranno far parte del progetto. Capitanata Chiama, infatti, si inserisce nella più ampia progettazione dei Laboratori Urbani Artefacendo volta alla creazione di un Think Tank e di un Coworking Space che fungano da centrale operativa del progetto e luogo di incontro tra i cervelli e il territorio, nei quali possano generarsi dinamiche di networking che favoriscano la circolazione di idee e lo scambio di buone pratiche. Durante la seconda fase verranno organizzati incontri con i cervelli in fuga e workshop dedicati ai temi della start-up, della cultura d’impresa e dell’innovazione sociale.

Per raccogliere i fondi necessari a coprire i costi del progetto partirà una campagna di crowdfunding sul sito www.capitanatachiama.it con cui i donatori, oltre a sostenere il progetto, potranno partecipare a numerose iniziative sul territorio, dalle Contadinner di Vazapp (www.vazapp.it) all’ultima stagione teatrale del Teatro dei Limoni di Foggia. Tra le ricompense per i donatori anche libri sul tema della rinascita del Sud e musica d’autore made in Capitanata. Ai donatori, inoltre, la possibilità di conoscere a fondo il Gargano e le attività dei Laboratori Urbani Artefacendo di San Giovanni Rotondo, uno dei 150 Laboratori Urbani attivi in Puglia, riconosciuto da Guglielmo Minervini nel suo libro “La politica generativa” tra le pratiche di successo della progettualità. Infine, la possibilità di invitare lo staff della scuola “Innov@tiva” per un workshop a domicilio su start-up, cultura digitale e cultura d’impresa.

Per info: staff@capitanatachiama.it